DESTRA E SINISTRA – Differenze antropologiche

La Sinistra, quella che si avvale del distintivo e del primato della cultura, della solidarietà, dell’accoglienza, della difesa dei diritti civili e sociali.
E’ da quando si militava nel Fronte della Gioventù che sentiamo gli stessi discorsi. Il primato della cultura che ha portato a questa involuzione della società dove pochi insegnano che non tutti i desideri possono essere trasformati in diritti e dove spesso la politica spaccia un diritto per un favore.
Dove l’IO e le sue pulsioni libertarie e libertine ha sostituito il NOI.
Il negare un qualsiasi principio di ordine che è alla base della convivenza civile. Questo appare limitante agli occhi dei benpensanti radical chic che evitano puntualmente di commentare gli effetti del disordine.
Il primato della solidarietà come se non fosse un sentimento trasversale, non politicizzato né partitico.
Si confonde la solidarietà umana,con l’ accoglienza, la tolleranza e l’integrazione. Modi diversi per approcciarsi al fenomeno dell’immigrazione.
Il primato dell’accoglienza, senza poi combattere il caporalato, spesso mafioso, mettendo la testa sotto la sabbia e senza combattere l’ipocrisia dell’Europa il cui comportamento è di per sé razzista.
Quando viene meno la sensibilità europea nei confronti dell’Italia lasciata sola dinanzi al fenomeno dell’immigrazione significa che vi è poca sensibilità nei confronti della vita umana che è scura di pelle in questo caso.
Questi sono comportamenti realmente razzisti.
Il primato dei diritti sociali creati da tutta la nostra storia, nessuna esclusa, e sempre più scarnificati da leggi che colpiscono in pieno petto la dignità della persona e che rendono la vita precaria.
Il primato dei diritti civili, spesso sacrosanti, ma che calpestano a volte i diritti naturali e vengono banalizzati all’interno di manifestazioni di dubbio gusto.
La Sinistra esiste solo se c’è il rispetto della Destra, del suo pensiero, della sua storia e della sua gente. Non può esistere Sinistra senza Destra perchè se va in crisi l’una va in crisi anche l’altra. La sinistra arranca perchè la destra è sparita in Parlamento ma non nella società perchè sono differenze antropologiche che si traducono in differenze politiche.
La critica è ammessa anche nella sua aspra esplicazione ma ogni atto o comportamento volto a delegittimare la diade risulta sempre un esercizio di autolesionismo politico. AG